Ofenpass(P5) - Munt la Schera

Dati:

Dislivello: 779 m

Durata:2h

Impegno fisico: Normale

Difficoltà: E

Descrizione:

Il percorso che vi proponiamo parte dal parcheggio, gratuito, P5 lungo la strada dell'Ofenpass( Fuorn pass o passo del forno) e conduce sino in vetta al bellissimo Munt la Schera, all'interno del parco nazionale svizzero.

Come abbiamo precedentemente detto, il parcheggio P5 si trova lungo la strada dell'Ofenpass sul versante di Zernez, in prossimità della galleria che collega la Svizzera con Livigno.Qui troveremo un ampio parheggio gratuito da dove parte il sentiero che conduce in vetta al monte.

Incontreremo fin da subito dei segnavia che ci indicano un tempo approssimativo di raggiungere la vetta di 2h e 30', tuttavia questo valore è ampiamente sovrastimato, infatti senza grossi sforzi è possibile raggiungere la vetta in circa 2h

Incontreremo fin da subito dei cartelli che ci indicano la nostra entrata nel parco nazionale svizzero, fate attenzione a seguire alla lettera le raccomdazioni che vi vengono date, infatti il parco ha delle regole severissime tra cui: divieto assoluto ai cani di entrare, anche se tenuti al guinzaglio, il divieto di uscire dal sentiero, il divieto di toccare e strappare qualsiasi pianta,fiore e fungo.

Una volta pronti inzieremo a seguire il sentiero che fin da subito si presenta abbastanza impegnativo, le pendenze sono abbastanza elevate e affronteremo una lunga scalinata naturale, creata dalle radici delle piante che ci circondano, in questo primo tratto vedrete anche molteplici piante sradicate,non preoccupatevi nel parco nazionale non si tocca nulla e si lascia che la natura faccia da solo il proprio decorso naturale.

Il sentiero ci farà guadagnare in fretta molti metri, dovremo prenderlo con calma,onde evitare di affaticarci troppo in questa prima parte, tuttavia presenta alcuni brevissimi tratti pianeggianti dove poter recupare un pò di fiato. Dopo circa 20' dalla nostra partenza il nostro percorso diventa più semplice con un susseguirsi di sali e scendi lievi, in questo tratto oltrepasseremo una vecchia frana dove però è stato ricavato il sentiero e non abbiamo alcun tipo di problema nel superarla.

Continueremo a salire ma con pendenze lievi sino ad arrivare a dei bellissimi prati in prossimità dell'Alp Schera, questo punto è estrmamente panoramico, non solo verso il lago di Livigno, ma perchè è anche un punto di osservazione per ammirare gli ungulati presenti sulle pendici del monte.

Nei pressi dell'alpe troveremo anche una piccola fonte dove poter riempire le nostre borracce/bottiglie. Superata l'alpe le pendenze tornano a salire anche in maniera elevata, rientreremo nel bosco di mughi e continueremo a salire su un sentiero mediamente impegnativo per circa 30', almeno possiamo ammirare il bellissimo panorama che ci circonda.

Più avanziamo e più le pendenze tendono a scemare sino a quando arriveremo ad un bellissimo piano dove troveremo un cartello che ci farà svoltare a sinistra per salire sino in vetta al monte.

Da ora in avanti dovremo stringere i denti per circa 30', infatti le pendenze diventano molto elevate sino in vetta. Non vi è alcuna possibilità di poter riprendere fiato, perchè la pendenza sempre elevata e costante terminerà solo una volta raggiunta la cima, ma è uno sforzo di circa 30' e dovremo tenere duro.

Al termine di questo tratto giungeremo in vetta al monte, troveremo un cartello un cartello che ci indica la vetta del monte, ma in realtà dovremo svoltare a sinistra e percorrere una decina di metri in leggera salita per raggiungere la cima dove è presente la classica catasta di sassi. Dalla vetta abbiamo un panorama a 360° non solo verso Livigno ed il gruppo del Bernina,ma anche verso Cancano e la Cima Piazza ed in lontananza possiamo vedere anche le piste sciistiche del passo dello Stelvio.

Copyright Ilpiaceredellamontagna.it

Sito ottimizzato per browser Mozilla Firefox , Google Chrome Tutti i marchi citati e i loghi riprodotti appartengono ai legittimi proprietari. Detti marchi sono citati a scopo informativo e/o didattico

Ilpiaceredellamontagna.it non si assume nessuna responsabilita per eventuali incidenti verificatesi sugli itinerari da noi descritti

Normativa UE Cookie