Laveggiolo - Pizzo dei Tre Signori

    Dati:

    Dislivello:1084m

    Durata: 3h 50'

    Impegno fisico: Elevato

    Difficoltà: EE

    Descrizione:

    La salita al Pizzo dei Tre Signori è impegnativa da qualsiasi la si voglia affrontare,tuttavia la salita partendo da Laveggiolo è la meno complicata e impegnativa dal punto di vista fisico.

    Laveggiolo è una piccola frazione di Gerola Alta,per raggiungerla basta arrivare a Gerola Alta,un piccolo centro abitato in Val Gerola,ed al termine del paese troveremo le indicazioni per Laveggiolo,la strada completamente asfaltata è però estremamente stretta e difficilmente riescono a passare due autovetture.

    La strada termina proprio a laveggiolo con un ampio parcheggio dove poter lasciare le proprie autovetture.

    tresignori

    Iniziamo a percorrere una strada pastorale inizialmente asfaltata che dopo circa 100 m diventa sterrata,seguendo sempre le indicazioni per il rifugio Falc.

    Dopo circa 400 m troveremo una deviazione a sinistra con un piccolo sentiero che scende inizialmente  verso delle baite e poi verso un piccolo ponticello che ci farà oltrepassare un torrente e risalire sul versante opposto della valle.

    tresignori1

    tresignori2

    tresignori3

    Il sentiero sale con pendenze abbastanza elevate,ma dura per poco tempo,infatti il sentiero rincontrerà la strada sterrata che compie un giro molto più lungo,appena ricongiunti svolteremo a sinistra seguendo sempre questa sterrata che con pendenze lievi e medianti tornanti si addentra sempre più nella vallata verso il lago d'Inferno.

    Durante questo tratto è possibile risparmiare un pò di tempo seguendo alcuni sentieri ben segnalati per il rifugio Falc che ci permettono di tagliare parte della strada.

    Piano piano ci addentriamo sempre più verso il lago d'inferno,e dopo circa 1h 30' raggiungiamo il rifugio Trona,proprio nei pressi del rifugio troviamo la deviazione per il rifugio Falc che dovremo seguire.

    tresignori6

    tresignori7

    tresignori9

    Il sentiero inizialmente pianeggiante si addentra in pascoli per circa 200m dopo i quali inizia a salire seppure con pendenze modeste,incontreremo una piccola baita dove il nostro sentiero si divide,a destra il sentiero sale verso la bocchetta di trona,mentre rimanendo sulla sinistra come dovremo fare il sentiero salirà direttamente verso il lago d'inferno,in questi istanti dovremo porre attenzione ai segnavia presenti,non sono molti e la traccia è facile da perdere.

    tresignori10

    tresignori11

    tresignori12

    Superato quest'ultimo tratto il percorso spiana,dovremo superare alcuni tratti leggermente esposti e scendere lungo alcune rocce,dove però non è necessario aiutarsi con le mani.

    Arriveremo ai piedi della diga del lago,qui il sentiero svolterà a destra e ricomincerà a salire verso una vecchia casa abbandonata,percorrendo anche alcuni fasciumi rocciosi.

    tresignori13

    In prossimità di una piccola cappella il sentiero si divide,a destra raggiungeremo in circa 5' il rifugio Falc,mentre andando a sinistra come dovremo fare in circa 2' giungeremo alla bocchetta del Varrone

    tresignori14

     Prendiamo le indicazioni per la bocchetta di Piazzocco,e per il Pizzo che ci viene indicato a circa 1h e 30' di marcia,torneremo a salire su un sentiero che presenta pendenze abbastanza elevate sino alla bocchetta di Piazzocco che raggiungiamo dopo circa 20'

    tresignori15

    tresignori16

    Giunti alla bocchetta le indicazioni per il Pizzo spariscono ma noi dovremo svoltare a sinistra percorrendo un tratto di percorso pianeggiante con brevi tratti esposti dove però non sono presenti catene o altre strutture di sicurezza,va detto che seppur esposti questi brevi tratti non sono per nulla pericolosi.

    tresignori17

    Giungeremo all'imbocco dell'ultima parte di salita,dove il sentiero sale lungo la rocce del pizzo che si suddivide in due parti intervellatte da un breve piano con sfasciumi rocciosi,la prima parte ci conduce all'antecima del Pizzo,la salita sulla roccia in questo primo tratto è estremamente semplice e non richiede particolari attenzioni,non dovremo nemmeno aiutarci con le mani.

    tresignori22

    tresignori21

    Il secondo tratto anche se più breve,presenta una prima parte dove la salita avviene su un sentiero formato da sfasciumi rocciosi e solo gli ultimi 10 m su una roccia particolarmente liscia,dove possiamo aiutarci con l'ausilio delle mani.

    tresignori23

    tresignori18

    Dalla vetta si ha uno dei panorami più belli delle Orobie,sia verso la valtellina con il lago d'inferno sia verso ornica osservando il Pizzo trona.

    tresignori20

    tresignori19

    tresignori24


    Trekking menu

    Copyright ilpiaceredellamontagna.it

    Sito ottimizzato per browser Mozilla Firefox , Google Chrome Tutti i marchi citati e i loghi riprodotti appartengono ai legittimi proprietari. Detti marchi sono citati a scopo informativo e/o didattico. Ilpiaceredellamontagna.it non si assume nessuna responsabilità per eventuali incidenti verificatesi sugli itinerari da noi descritti

    Cookie Policy