Giro dei Tre passi( Bernina - Eira - Foscagno)

Dati:

Lunghezza: 123 km

Dislivello:2600 m

Lunghezza salita più lunga: 34 km, ma con circa 9 km pianeggianti

Condizione fisica: Buon allenamento

Traccia GPS:  Bernina.gpx

Descrizione:

Il giro dei tre passi è un bellissimo anello che si sviluppa tra Italia e Svizzera su alcuni dei passi alpini più belli e famosi. Il percorso si compone di tre salite importanti di cui una con una lunghezza che supera i 30 km e tutte e tre con una quota di arrivo che supera i 2000 m.s.l.m, qui sotto vi presentiamo tutte le salite


Nome Lunghezza Dislivello Quota arrivo
       
Passo del Bernina/Forcola 34 km  1842 m   2315 m.s.l.m
Passo Eira 6,6 km 365 m 2203 m.s.l.m
Passo Foscagno 4,61 km 270 m 2291 m.s.l.m

Salite non impossibili dal punto di vista delle pendenze medie, ma che si sviluppano ad altezze elevate e soprattutto per quanto riguarda il Bernina con una lunghezza notevole. Tuttavia per quanto riguarda il Bernina dobbiamo considerare che a circa 1/3 della salita abbiamo un lungo tratto pianeggiante da Miralago a Poschiavo lungo circa 9 km e che quindi la salita effettiva misura 25km rispetto ai 34 km complessivi.

enervit G sport

Enervit G Sport 2 confezioni

19,60  - 18,00 €

La partenza della nostra traccia è posta a Mazzo di Valtellina, dove parte il mitico Mortirolo, perchè proprio a Mazzo? In prossimità di Mazzo vi sono numerose industrie con molteplici ed ampi posteggi dove è possibile lasciare le nostre autovetture, inoltre i chilometri che seprano Mazzo di Valtellina da Tirano sono per lo più pianeggianti od in discesa ed in questi chilometri che ci separano dall'attacco della prima salita di giornata, il Bernina, ci permettono di riscaldarci come si deve prima di affrontare la salita più dura di giornata. Per circa 11 km pedaleremo su strade secondarie che ci conducono nei paesini di Lovero, Sernio evitando così il traffico presente sulla strada statale principale.

Giunti a Tirano inizierà la salita verso il Bernina/Forcola, in prossimità del Santuario Madonna di Tirano.

tirano

In questa prima parte del percorso dovremo porre molta attenzione ai binari della ferrovia retica che sono presenti lungo la strada. Il pericolo in questi punti è che la ruota entri nel binario e ci faccia cadere..

Dopo circa 2km giungeremo al confine di stato, difficilmente verremo fermati dalla guardia di frontiera, tuttavia è meglio avere con se un documento d'identità nel caso che fossimo fermati.

Appena dopo aver superato il confine le pendenze della salita diventano molto più impegnative sino a raggiungere Miralago, dove inizia il lungo tratto pianeggiante con alcuni tratti di falsopiano, bisogna prestare attenzione quando si entra nell'abitato di Prese, al termine del lago di Poschiavo, perchè proprio all'inizio del paese i binari della ferrovia tornano a percorrere la strada ed in questo punto anche in modo molto più pericoloso,visto che si trovano in prossimità di una strettoia.

tirano2

Giunti a Poschiavo la salita ricomincierà senza più attimi di pausa, salvo un brevissimo tratto sino ad arrivare alla frontiera svizzera e la svolta verso il passo della Forcola, mancherebbero 3 km alla vetta del Bernina, potremmo decidere di continuare sino al passo per poi ridiscendere, o svoltare subito verso la forcola di Livigno.

tirano5

Svoltando subito verso la Forcola, cosa che avremmo dovuto fare anche se fossimo saliti sino al passo per poi ridiscendere i chilometri sino a questa frontiera, affronteremo un breve tratto pianeggiante per poi affrontare un ultimo tratto, estremamente impegnativo, con pendenze elevate, sino ad arrivare al passo.

Giunti al passo inizia la lunga discesa verso Livigno, una discesa molto veloce e molto rettilinea, giunti a Livigno all'imbocco del paese in prossimità di una rotonda svolteremo a destra,supereremo un ponte sul fiume Spol ed inizieremo la salita verso il passo Eira, all'inizio affronteremo questa strada secondaria sino alla località Teola dove reincroceremo la statale che sale dal centro di Livigno, in questo modo potremo evitare per un breve tratto alcuni punti trafficati. La salita non presenta pendenze impossibili ed è molto costante sino a raggiungere il passo Eira.

Dal passo parte una discesa corta di appena 2 km che ci condurrà sino al ponte dei Rezz,dopo aver superato una galleria, da dove inizia l'ultima salita di giornata sino al Passo del Foscagno, l'unico punto molto impegnativo in questi chilometri è appena dopo aver superato le ultime case di Trepalle dove per circa 400m abbiamo una pendenza superiore al 12%.

Giunti al Foscagno le nostre fatiche sono terminate, ora inizierà una lunga discesa verso Isolaccia e poi un falsopiano in leggera discesa sino a Bormio, giunti a Bormio prendere sulla destra la vecchia strada che ci ricondurrà sino a Mazzo e sempre in discesa falsopiano.

Un giro spettacolare per panorami ed ambienti  da consigliare soprattutto nei periodi estivi da Giugno sino a Settembre.

 

Copyright Ilpiaceredellamontagna.it

Sito ottimizzato per browser Mozilla Firefox , Google Chrome Tutti i marchi citati e i loghi riprodotti appartengono ai legittimi proprietari. Detti marchi sono citati a scopo informativo e/o didattico

Ilpiaceredellamontagna.it non si assume nessuna responsabilita per eventuali incidenti verificatesi sugli itinerari da noi descritti

Normativa UE Cookie